Calabrese a Speranza: “Lotteremo fino a quando non avremo un ospedale funzionante”

Dom, 08/12/2019 - 11:30

Signor Ministro, La ringrazio per aver risposto in modo celere al nostro appello.
Chi Le parla rappresenta il territorio della Locride e 42 sindaci. Ho avuto modo di incontrarLa a Locri due anni fa in occasione della Giornata Nazionale in memoria delle vittime innocenti di mafia organizzata da Libera e apprezzare la sua discreta presenza in una giornata altamente simbolica per la Locride.
Premetto che è la terza volta che varco la soglia del Ministero della Salute in pochi anni.
Siamo al terzo confronto con un Ministro diverso.
Del 2015 a Locri sono scese in piazza oltre diecimila persone per rivendicare il diritto ad avere un ospedale funzionante.
Il ministro Lorenzin, a seguito di un incontro in questa stessa sede ha inviato a Locri un Task Force di ispettori ministeriali.
Lo stesso Ministro Lorenzin, dopo un confronto con i Sindaci della Locride a Reggio Calabria, ha istituito un tavolo presso la Prefettura di Reggio Calabria, coordinato dal Prefetto, sulle criticità dell'Ospedale di Locri.
La trasmissione televisiva “Le Iene”, con il giornalista Gaetano Pecoraro, ha dedicato numerose puntate al problema e agli scandali dell'Ospedale di Locri.
A seguito della vergognosa situazione emersa da quella trasmissione televisiva abbiamo avuto il blitz del Ministro Grillo a Locri.
A seguito di quel blitz si è avuto un decreto legge straordinario che non ha prodotto alcun risultato.
L'ASP di Reggio Calabria, dalla quale dipende l'ospedale della Locride, è attualmente sciolta per infiltrazione mafiosa e abbiamo avuto la presenza in ospedale dell'ex sottosegretario del Ministero dell'interno del M5S che aveva promesso e garantito soluzioni.
Abbiamo portato in ospedale decine di parlamentari, i presidenti della Regione e i commissari del Governo nazionale, ma nessuno ci ha dato ascolto e trovato soluzioni.
Nei reparti mancano primari, medici, paramedici e attrezzature.
Chi lavora nel nostro ospedale lo fa in condizioni assurde e inaccettabili.
Alcuni reparti sono stati chiusi e altri rischiano di chiudere per mancanza di personale.
Nelle ultime settimane 21.000 cittadini hanno sottoscritto una petizione popolare che tra qualche giorno verrà inviata anche a Lei.
Ora Le pongo una domanda pregandola di darmi una risposta. Quando tornerò a Locri, cosa dovrò dire ai cittadini che aspettano con ansia di sapere qualcosa sul futuro dell'ospedale ?
“Sindaco, comprendo la situazione. Dica ai cittadini della Locride di avere pazienza e fiducia”.
Risposta eloquente, grazie per la sua sincerità Signor Ministro.
Il Ministro Speranza, certamente attento e disponibile, ha purtroppo confermato che non ci sono concrete e immediate soluzioni.
La Sanità calabrese rischia il baratro.
Con gli altri sindaci della delegazione dell'ANCI Calabria abbiamo chiesto prioritariamente lo sblocco delle assunzioni con procedure straordinarie quale soluzione necessaria e improcrastinabile per evitare la chiusura definitiva del presidio sanitario della Locride e degli altri presidi della Calabria.
Il signor Ministro, in carica da poco più di due mesi e quindi certamente non responsabile del disastro della sanità calabrese, va certamente apprezzato per garbo e disponibilità, ha evidenziato che l'abolizione del super ticket consentirà un risparmio per i cittadini calabresi, che verranno proposti degli emendamenti in finanziara per favorire la stabilizzazione dei precari e lo scorrimento delle graduatorie e che in Calabria sta operando una qualificata taskforce ministeriale che dovrà in tempi brevi descrivere la reale situazione del sistema sanità e programmare le relative e necessarie soluzioni.
Il ministro ci ha congedati garantendo “Massima attenzione per costruire soluzioni possibili”.
Le “non risposte” del Ministro non lasciano presagire nulla di buono e positivo per il nostro Ospedale.
Noi continuiamo a lottare, senza dare tregua, per rispetto dei nostri cittadini che meritano adeguate e urgenti soluzioni.
La nostra battaglia in difesa dell'Ospedale della Locride e dei cittadini finirà solo quando avremo un ospedale funzionante e verrà restituita giusta dignità alla nostra struttura sanitaria. Chi pensa che possa finire in modo diverso si sbaglia. A Reggio, Catanzaro e Roma devono sapere non abbiamo nessuna intenzione di arrenderci!
#salviamolospedaledellalocride
#lottasenzasosta
#lalottanonsiferma

Giovanni Calabrese

Rubrica: 

Notizie correlate