Una piazza per Pasquino Crupi

Lun, 19/08/2019 - 09:20

Il 19 agosto del 2013 ci lasciava Pasquino Crupi, un maestro dotato di una straordinaria capacità di padroneggiare la vita. In lui vivevano e sapevano convivere, arricchendosi reciprocamente, l’anima del politico e quella del letterato. E la sensibilità del letterato illuminava il politico.
Proponiamo di seguito una poesia di un giovane reggino, Giuseppe Fava, con cui invitiamo il sindaco di Bova Marina Saverio Zavettieri a intraprendere una qualche iniziativa affinché il paese dov’è cresciuto Pasquino possa onorarlo dedicandogli un’opera, una piazza, o una via.

A Pasquino Crupi
Ora dassupra tu comandi
u sacciu picchi’ mu rissiru l’angeli.

Quandu mi virivi mi’mbrazzavi
cu dda sciarpa russa
u sigaru tiravi.

Bova Marina non è chiu’ comu prima
senza di tia stu paisi non camina.

Tu non si nu letteratu
e mancu omu di statu
Si nu cristianu
chi cercau mi giusta
stu mundu tuttu stranu

Ma ora caimu a fari?
Aimu a rimediari
e mi ti ricurdamu
na piazza ti dedicamu.

Rubrica: 

Notizie correlate