Solo il 20% dei Vigili del Fuoco reggini aderiscono alla campagna antincendio

Lun, 02/07/2018 - 11:40

Così come previsto dalla nostra organizzazione sindacale, solo il 20% del personale del comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Reggio Calabria ha aderito alla campagna AIB 2018 (Antincendio Boschivo). Questi sono i risultati inconfutabili di una gestione totalmente inconcludente da parte dell’amministrazione VF che, nonostante i numerosi e pressanti solleciti, a tutt’oggi, non ha ancora provveduto a remunerare il personale VF che ha partecipato alla campagna AIB 2017.
Questa è la denuncia di Giovanni Alampi, segretario provinciale UILPA VVF di  Reggio Calabria che, già da tempo, aveva preventivato un collasso del sistema e la probabile scarsa adesione a quello che dovrebbe essere il piano di emergenza estivo 2018.
Purtroppo - prosegue Alampi - a farne le spese sarà la popolazione, privata di quei presidi antincendio boschivi che servono a dare manforte alle poche squadre VVF ordinarie, costrette, quest’anno, a fronteggiare anche i numerosi incendi estivi.
Una delle aree critiche che dovrà fare i conti con l’inefficienza burocratico/amministrativa, sarà, soprattutto, quella dell’alto ionio reggino, a causa dalla mancata attivazione della sede VVF di Monasterace.
E’ impensabile – tuona Alampi – che un territorio così vasto e popolato possa contare solo su una squadra di vigili del fuoco in forza al distaccamento di  Siderno.
Tale situazione, con l’incalzare della stagione estiva, potrebbe avere drammatici risvolti sia in seno alla sicurezza della cittadinanza, che su quella degli stessi operatori dei Vigili del Fuoco, puntualmente costretti a caricare sulle proprie spalle ed a rischio della propria pelle, l’inefficienza degli enti locali e dell’amministrazione VF.
Tutte le azioni messe in campo nel corso degli ultimi anni dalla nostra organizzazione sindacale -  prosegue Alampi -  hanno sempre avuto, come obiettivo, l’incremento delle risorse da parte degli enti preposti, strettamente necessarie a fronteggiare le pericolosità e le emergenze della stagione estiva e a rassicurare i lavoratori sulla puntuale remunerazione del lavoro prestato.
Proprio la mancanza di quest’ultima, ha prodotto i risultati che oggi sono sotto gli occhi di tutti.
Riteniamo, purtroppo, che questa non sia una vittoria sindacale, ma una sconfitta del sistema che tende sempre di più a penalizzare i lavoratori. Siamo fermamente convinti che chi lavora con abnegazione e spirito di sacrificio, debba essere puntualmente remunerato senza indugi e senza ulteriori azioni di forza necessarie a recuperare le proprie spettanze.
Proprio per questi motivi e per la totale assenza di certezza sul salario dei lavoratori, la UILPA VVF non ha sottoscritto la convenzione AIB 2018, ritenuta un copia ed incolla di quella precedente.
Un ennesimo ed accorato appello ai massimi vertici VVF – conclude Alampi – affinché provvedano, il prima possibile, ad incrementare a costo zero l’organico, con i VVF calabresi attualmente in servizio presso altre sedi, in modo da coprire le ataviche carenze di personale, già quotidianamente impegnato, oltre che con il consueto servizio d’istituto, anche con il presidio dell’area della tendopoli di San Ferdinando.

Fabio Maragucci
Resp. Ufficio Stampa UILPA RC

Rubrica: 

Notizie correlate