La terra dei Cachi: Minniti e Molinari

Dom, 07/01/2018 - 18:00

Continua la nostra carrellata di senatori eletti in Calabria e l’analisi sommaria del loro operato nell’ultima legislatura per cercare di comprendere se valga la pena o meno rieleggerli durante le politiche di primavera.
Marco Minniti, di Reggio Calabria, è stato eletto nel 2013 in qualità di capolista del Partito Democratico, ma ha lasciato il senato il 17 maggio dello stesso anno, quando è stato nominato Sottosegretario alla presidenza del consiglio dei ministri con delega ai servizi segreti, incarico ricoperto sia sotto Letta che sotto Renzi. Il 12 dicembre del 2016, dunque, è stato designato Ministro dell’Interno dal nuovo presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. In virtù dei suoi incarichi istituzioni, il suo indice di produttività lo rende il 300º senatore più presente su 315. Per la Calabria, negli 81 giorni da senatore, ha presentato:

Disegni di legge 0
Mozioni 0
Interpellanze 0
Interrogazioni a risposta orale 2
Interrogazioni a risposta scritta 0
Interrogazioni in commissione 0
Ordine del giorno 0
Emendamenti 0

I suoi interventi interventi si sono concentrati su infrastrutture e trasporti, per un totale di 2 atti dedicati alla nostra regione, entrambi in qualità di primo firmatario.
Francesco Molinari, di Santeramo in Colle, è stata eletto per il Movimento 5 Stelle, di cui è diventato in breve vicecapogruppo in Senato. L’amore tra lui e il partito dei grillini, tuttavia, è terminato il 26 gennaio 2015, quando Molinari è uscito dal movimento per aderire, dopo un anno e mezzo di tentennamenti, all’Italia dei valori. È segretario della Commissione permanente Finanze e tesoro, componente della commissione parlamentare Politiche dell’Unione europea, della Commissione d’inchiesta sul fenomeno delle mafie e di quella sul sistema bancario e finanziario. Ha un indice di produttività che lo rende il 176º senatore più presente su 315. Per la Calabria ha presentato:

Disegni di legge 0
Mozioni 1
Interpellanze 0
Interrogazioni a risposta orale 3
Interrogazioni a risposta scritta 1
Interrogazioni in commissione 0
Ordine del giorno 1
Emendamenti 1

La sua azione politica si è concentrata su legalità, recupero delle risorse economiche, piano di rientro, coesione territoriale e terremoto sul Pollino per un totale di 7 atti di cui 6 in qualità di primo firmatario dedicati alla nostra regione.

Autore: 
Jacopo Giuca
Rubrica: 

Notizie correlate