La Cattedrale di Gerace diventa Basilica Minore

Dom, 20/01/2019 - 13:00

Per quasi mille anni la Chiesa di Santa Maria Assunta è stata la Cattedrale della diocesi di Gerace, fino a quando, il 25 maggio 1954, il vescovo Perantoni trasferì la sede episcopale a Locri. Un trasferimento che i geracesi non gli perdonarono mai. Perantoni fu addirittura accusato di spergiuro. Nel giorno in cui fu resa nota la bolla che sanciva il trasferimento della diocesi da Gerace a Locri, una folla di geracesi lo attendeva in piazza Tribuna, nelle vicinanza della cattedrale. Dalle cronache dell’epoca si legge che furono affissi striscioni sui palazzi con la scritta “Lutto cittadino” e che Monsignor Perantoni fu portato di fronte alla statua della Madonna imponendogli di giurare che la sede non sarebbe mai stata trasferita. È evidente che, se anche giurò, il giuramento era nullo perché fatto sotto minaccia. Il 19 giugno 1954 Mons. Perantoni si insediò nella nuova sede di Locri. Nonostante ciò, la chiesa di Santa Maria Assunta di Gerace è rimasta sempre per tutti la Cattedrale continuando a ospitare le celebrazioni legate agli eventi diocesani più importanti.
Lo scorso 5 gennaio, con la solenne celebrazione eucaristica presieduta dal delegato pontificio Monsignor Nunzio Galatino, la millenaria Cattedrale è stata elevata a Basilica Minore. La richiesta era stata avanzata da Monsignor Francesco Oliva nel mese di luglio ed è stata accolta dalla Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti lo scorso 8 settembre per mezzo di un decreto a firma del Segretario, l’Arcivescovo Arthur Roche.
Il vescovo Oliva ha esternato la gioia della Chiesa locale per l’accresciuto prestigio dell’edificio sacro che, ha detto, «è un dono che rafforza il vincolo con la Chiesa di Roma e con il Santo Padre, che esalta la bellezza architettonica, la storia e la tradizione liturgica e spirituale di un bene dichiarato monumento nazionale».
«Un titolo che ci aspettavamo da tempo – ci ha dichiarato Salvatore Galluzzo, vicesindaco di Gerace. – La dignità di “cattedrale” iniziava a essere stretta per via della storia e dei presuli che si sono avvicendati rivestendo il ruolo di vescovi. Tra l’altro, la Cattedrale possedeva tutti i requisiti per ottenere il titolo di Basilica Minore, così come stabilito dal decreto “Domus Eccesiae” del 1989. Questo titolo d’onore dovrà essere per noi un impegno affinché Gerace sia una città decorosa, accogliente. Con l’elevazione della Cattedrale a Basilica, Gerace assumerà una funzione religiosa importante e questo avrà delle ricadute positive sull’intera comunità».

Autore: 
Maria Giovanna Cogliandro
Rubrica: 

Notizie correlate