Giornate Europee del Patrimonio: le iniziative dell’Ente Parco Aspromonte

Gio, 21/09/2017 - 19:20

Un prodigio di immagini e di ologrammi per comporre nella “Piazza Paolo Orsi” del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, la geologia, gli habitat e la biodiversità faunistica e floristica dell’Aspromonte. E’ un weekend all’insegna del “digitale” quello promosso dall’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte che, ispirandosi ai temi scelti e istituiti dal Consiglio d’Europa, celebra “Le Giornate Europee del Patrimonio” ed esalta il connubio “Cultura e Natura”.
Sabato 23 e Domenica 24 durante gli orari di apertura del Museo, sarà possibile assistere ad una “digital exhibition” che animerà Piazza Orsi con effetti audio-video capaci di far vivere nella stessa scena la natura dell’Aspromonte e il patrimonio del Museo Archeologico. Nella serata di sabato 23, inoltre, dalle ore 21, uno spettacolare “video mapping” renderà reale un tour virtuale tra i boschi del Parco.
“L’intelligenza nativa della Natura e il genio dell’Uomo – ha spiegato il Presidente Giuseppe Bombino - si cercano e si fondono in una progettualità che unisce docilmente il territorio e le sue identità. Questa volta è la Natura a incontrare le espressioni massime dell’Umanità, e lo fa apparendo nel grandioso Edificio, il MArRC, dove sono custoditi i segni millenari di un popolo in cammino nella Storia.”
Non è solo questo l’evento con cui l’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte celebra “Le Giornate Europee del Patrimonio”: venerdì 22, infatti, presso la Pinacoteca Civica di Reggio si terrà, alle ore 11, la conferenza stampa per illustrare i dettagli del progetto di restauro (il cui cantiere è ancora visitabile) dell’Annunciazione di Antonello Gagini, il gruppo marmoreo rinascimentale ospitato presso la cappella della Chiesa di San Teodoro di Bagaladi. Sabato 23, a tal proposito, sono state previste le visite guidate al Cantiere di Restauro Aperto.
Domenica 24, alle ore 12.00, sempre nella chiesa di San Teodoro le attività del cantiere e le importanti scoperte effettuate durante le fasi del restauro saranno rese note alla comunità locale. Verrà inoltre proiettato in anteprima lo spot cinematografico dal titolo “Cultura e Natura in Aspromonte: l’Annunciazione ritrovata”.
L’impegno del Parco Nazionale d’Aspromonte per l’Arte e la Cultura si è concretizzato, proprio in questi giorni, anche con il finanziamento del restauro dell’Opera denominata “Il Sogno di Giacobbe” dell’Artista Nik Spatari, sita presso il Museo Santa Barbara di Mammola.

Ufficio Stampa Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte

Notizie correlate