Domenico Vestito: «Ottimismo, speranza per le generazioni future»

Ven, 15/05/2015 - 15:56

“Marina di Gioiosa Ionica, finalmente, costruisce il proprio futuro con speranza, fiducia, ottimismo e sguardo proiettato alle prossime generazioni”.
Queste le prime dichiarazioni del Sindaco di Marina di Gioiosa Ionica, Domenico Vestito, che sintetizzano il senso e il significato di una sette giorni che apre Marina di Gioiosa Ionica alla crescita e da' concretezza all’azione politica dell’Amministrazione Comunale, tutta focalizzata su un orizzonte di lungo periodo.
“La settimana si è aperta con la buona notizia di tre importanti finanziamenti regionali, per opere pubbliche fondamentali su tre ambiti decisivi - ha proseguito Vestito - Un plauso va agli Assessori Coluccio e Lupis, che con competente progettualità, hanno intercettato due contributi: uno di 160.000,00 Euro per portare la rete fognaria in località galea e uno di 85.000 Euro per la messa in sicurezza definitiva, dopo anni di disinteresse, dello stadio comunale “Lombardo”. Euro 1.225.000, invece, saranno destinati alla costruzione della Stazione dei Carabinieri in un bene confiscato”
“Martedì, poi, abbiamo vissuto, insieme ai Comuni della Valle del Torbido, la storica prima riunione del Consiglio dell’Unione, che, al netto di polemiche fisiologiche in questa fase iniziale, ha dato prova di serietà e concretezza. Sono stati affrontati due temi significativi: quello del Giudice di Pace e, soprattutto, quello dei servizi sanitari nel territorio della Valle, con una presa di posizione seria e unanime da parte di tutto il Consiglio, che non assisterà impotente alla spoliazione ulteriore del territorio. Chi dovrà assumere certe scelte da martedì sa che dovrà fare i conti con un territorio di 21.000 abitanti, coeso, unito e combattivo”.
Il Primo cittadino di Marina di Gioiosa Ionica, poi, esalta l’azione della propria compagine politico-amministrativa, ricordando l’apertura della conferenza di pianificazione del piano strutturale, il lavoro intenso che prosegue per ridare nuova vita alla scuola elementare centro, recentemente intitolata a “Enrico Rodinò” e per completare, in tempi certi, l’iter di adozione del Piano Comunale Spiaggia.
“In poco più di un anno, grazie alla sapiente regia dell’Ass. Napoli, siamo stati in grado di prendere in mano saldamente le redini del Piano Strutturale Comunale, arrivando, in alcuni mese, a convocare la conferenza di pianificazione, nonché a svolgere una capillare azione di partecipazione cittadina. Sono risultati, questi, che non vengono per caso - sottolinea il Sindaco di Marina di Gioiosa Ionica - ma sono il frutto di un lavoro serio, concreto, rigoroso e dinamico, per dare a Marina di Gioiosa Ionica un’idea di sviluppo e di progresso"
“Non possiamo che essere soddisfatti, poi, del lavoro che stanno conducendo gli uffici comunali - ha sottolineato Vestito - di concerto con il Vicesindaco Loschiavo e l’Ass. Lupis, sul progetto di ricostruzione del corpo “B” della scuola elementare centro. Un’idea progettuale, che nell’impostazione data dall’Amministrazione cittadina, riguarderà tutta l’area scolastica, finalmente riqualificandola, grazie al sostanzioso contributo ottenuto dall’Amministrazione Femia”.
“Sul Piano Comunale Spiaggia abbiamo ripreso il dialogo con il team di progettisti, dopo che eravamo stati costretti a revocare la delibera della Commissione straordinaria di approvazione del Piano, per un errore procedurale a suo tempo commesso. Nei prossimi mesi lavoreremo per allineare i percorsi di pianificazione del Piano strutturale e del Piano spiaggia, dando allo sviluppo urbanistico della città regole certe e programmazione chiara, nel rispetto delle attività economiche esistenti e avendo come punto di riferimento fondamentale la salvaguardia del sistema naturalistico e ambientale”.
“A margine della Conferenza di Pianificazione, infine, abbiamo avuto costruttivi colloqui con la Soprintendenza ai Beni Archeologici e con quella per i Beni culturali e paesaggistici. Con la prima sono stati delineati i contorni per un percorso di restauro del Teatro Romano e per l’avvio di una campagna di sondaggi nell’area archeologica intorno alla Torre del Cavallaro. Con la Soprintendenza per i beni culturali, invece, è stato trattato il tema delicato della messa in sicurezza e del restauro della Torre del Cavallaro. Nei prossimi giorni, insieme al capo dell’ufficio tecnico, Angela Alfieri, avremo degli incontri operativi e presto arriveranno i risultati, per rimettere al centro della vita cittadina i beni culturali, fonte di crescita e sviluppo”.
“Marina di Gioiosa Ionica smette di guardare al passato e sta iniziando a realizzare, grazie agli sforzi dell’Amministrazione Comunale e di tante belle realtà imprenditoriali e associative cittadine, un’idea di città fondata sullo sviluppo sostenibile, sulla cultura, sulla pianificazione seria, sulla scuola, sulle buone relazioni che si costruiscono partendo dalla scuola”.

Notizie correlate