Coldiretti: alimentare fa segnare un +12,9% di export dalla Calabria

Lun, 12/12/2016 - 16:32
Molinaro: un risultato molto positivo che può migliorare con il finanziamento alle imprese dei progetti di investimento  del PSR 2014-2020.

A spingere le esportazioni nel Sud contribuisce in misura determinante l’alimentare che cresce del +12,9% in Calabria.  E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati sul commercio estero dell’Istat nei primi nove mesi del 2016. Mentre a livello nazionale – sottolinea la Coldiretti - le esportazioni alimentari crescono del 3,7% rispetto alla media generale dello 0,5%, “la performance delle imprese agroalimentari calabresi quindi è ancor più positiva ed eloquente” – commenta Pietro Molinaro Presidente di Coldiretti Calabria.  Un risultato che va ascritto al lavoro fatto sul mercato dalle imprese in particolare condotte da giovani agricoltori e una  conferma  -aggiunge - della strategicità del settore per la ripresa economica ed occupazionale.  Con questi dati infatti il nostro agroalimentare può volare  verso un nuovi record delle esportazioni”. L’agroalimentare  – continua la Coldiretti - svolge un effetto traino unico sull’intera economia per l’impatto positivo di immagine sui mercati esteri dove il cibo Made in Italy è sinonimo di qualità. “Gli spazi sono tanti – precisa Molinaro – basti pensare che questo risultato è stato ottenuto ancora di assenza di un acceleratore quali sono i fondi del PSR 2014-2020 sui quali, proprio per patrimonializzare  e consolidare il trend  è necessario procedere velocemente nel finanziamento dei progetti e contestuale erogazione degli aiuti alle imprese.  Insomma, in uno dei momenti più  difficili degli ultimi decenni  - aggiunge - la Calabria agricola ha reagito investendo sul vero Made in Calabria puntando sulla distintività , biodiversità  in simbiosi con la storia enogastronomica del cibo calabrese di qualità.  Questo è il modello di sviluppo fa vincere la Calabria  che ha avuto una promozione efficace ad Expo Milano dove abbiamo proposto l’intensità e il fascino della Calabria antica, autentica, accogliente.  L'andamento sui mercati internazionali potrebbe ancora ulteriormente migliorare - conclude – se si persegue una più efficace tutela nei confronti della “agropirateria” internazionale che erode alla Calabria circa unmiliardo di €uro l’anno e che utilizza impropriamente parole, colori, località, immagini, denominazioni e ricette che si richiamano ala nostra regione per prodotti taroccati che non hanno nulla a che fare con la nostra realtà produttiva.
Ufficio Stampa Coldiretti Calabria

Rubrica: 

Notizie correlate

Nicola Morra: "Ostentando il rosario in Calabria, Salvini ha inviato messaggi alla 'ndrangheta"

Mar, 20/08/2019 - 18:00
Nel suo intervento di pochi minuti fa in senato Nicola Morra ha dichiarato: "Il ministro Matteo Salvini ha avviato un tour, non un pellegrinaggio, ed è venuto anche in Calabria, a Isola Capo Rizzuto e Soverato, ostentando pubblicamente il rosario. Ora in terra di Calabria, e qui parlo da presidente della commissione antimafia, ostentare il rosario, votarsi alla Madonna, lì dove c'è il santuario cui la 'ndrangheta ha deciso di consegnarsi, il santuario della Madonna di Polsi, significa mandare messaggi in codice a certe forze che soprattutto uomini di Stato, in particolar modo ministri degli interni, debbono combattere, e non favorire. Ma sicuramente è stato per ignoranza, non per intenzione, perchè voglio concedere che in Italia ci sono 60 milioni di innocenti fino a prova contraria, quindi Matteo Salvini l'ha fatto senza sapere cosa stesse facendo. Quindi Padre, perdonalo perchè non sapeva quello che faceva".