Asp reggina: Gioffré vicino a ristabilire lo status quo

Mer, 02/09/2015 - 15:57

Cerca di riportare alla normalità l’Asp Reggina, il commissario Santo Gioffré che, in una conferenza indetta questa mattina, ha presentato il contenuto di una delibera (la n° 506/2015) che costituisce l’atto di indirizzo per la gestione del debito pregresso dell’azienda sanitaria nei confronti di aziende, imprenditori e prestatori di servizi.
«Con questo provvedimento – ha spiegato Gioffré, vicino alla termine del mandato durante il quale ha scoperto la poco chiara vicenda dei doppi pagamenti, che avrebbe potuto mandare definitivamente a gambe all’aria l’azienda – avviamo a soluzione una questione particolarmente grave per la gestione economica dell'Asp e aggiungiamo un ulteriore tassello nel lavoro di razionalizzazione dei conti dell'ente. Lo sforzo è volto ad ottenere un duplice risultato, giuridico e finanziario».
Grazie a un blocco dei pagamenti, infatti, si cercherà di conseguire il duplice obiettivo di ridurre i contenziosi pendenti sull’azienda sanitaria e scongiurare la paralisi dell’Asp stessa attraverso la nomina di decine di commissari che avrebbero potuto stabilire un prelievo forzoso delle somme di denaro dovute.
Gioffré non avrebbe probabilmente raggiunto questo risultato senza la preziosa collaborazione del vicepresidente alla sanità di Confindustria Vito Berti, che si è espresso così sulla questione: «Il commissario Gioffré, agendo sempre nel rispetto del principio della legalità e dell'interesse pubblico, ha condiviso insieme a noi un percorso che consentirà di dare una boccata d'ossigeno a tante aziende del territorio, e in un'economia fragile come la nostra non è cosa di poco conto. L'Asp non continuerà a indebitarsi senza criterio com'è stato in passato, ma salvaguarderà i suoi equilibri di cassa; d'altro canto, con questo provvedimento, immetterà nei circuiti finanziari cittadini svariate decine di milioni di euro che avranno ricadute concrete sull'economia locale».
Fonte: il dispaccio.it

Autore: 
Jacopo Giuca
Rubrica: 

Notizie correlate