Ambasciatori per la Calabria: Calopresti lancia un nuovo film

Mar, 09/10/2018 - 16:00

“Per rilanciare la Calabria sto cominciando a girare le prime scene del mio prossimo film che s’intitolerà ‘Ad Africo’, un piccolo borgo in provincia di Reggio Calabria. Prodotto da un altro celebre calabrese come Fulvio Lucisano, un colosso della cinematografia italiana nel mondo, sarà girato in dialetto calabrese e vedrà protagonisti attori del calibro di Marcello Fonte, nativo di Archi e premiato a Cannes, e Valeria Bruni Tedeschi. Spero con questo mio contributo e grazie al cinema di aiutare a far conoscere al mondo la Calabria migliore”. Lo ha dichiarato il regista Domenico Calopresti in occasione della seconda edizione del Premio Ambasciatori per la Calabria tenutasi stamattina presso la sede della Stampa Estera di Roma. Oltre al celebre regista, nato a Polistena (RC), sono state premiate da Mario Oliverio, Presidente della Regione Calabria, altre dieci personalità calabresi che si sono distinte nei loro rispettivi ambiti professionali come esempi di valori positivi e apprezzate sia a livello nazionale che internazionale: Giusy Versace (conduttrice televisiva e atleta paralimpica), Giuseppe Bono (amministratore delegato Fincantieri), Agostino Saccà (giornalista e dirigente aziendale), Giuseppina Amarelli (imprenditrice), Domenico Piraina (direttore del Palazzo Reale e dei musei scientifici Milano), Renato Cortese (questore di Palermo), Francesco Adornato (rettore Università di Macerata), Beniamino Quintieri (professore di economia internazionale e già presidente ICE), Emanuele Amodei (direttore di Palazzo Spinelli a Firenze) e Renato Turano (imprenditore nel Nord America).

Notizie correlate

Coldiretti Calabria: Molinaro lascia la presidenza e passa il testimone a Franco Aceto

Ven, 12/10/2018 - 17:40
Dopo aver promosso e accompagnato il rinnovo dei dirigenti Coldiretti ai vari livelli immettendo nella Coldiretti “linfa nuova” con tanti e motivati giovani agricoltori che sono stati in questi anni al centro del suo impegno sindacale, Pietro Molinaro dopo 14 anni lascia la pre