Accordi tra ‘ndrangheta e mafia dietro la stagione delle stragi

Sab, 17/03/2018 - 17:40

Il pentito Gaspare Spatuzza, nell’ambito del processo “‘ndrangheta stragista” che si sta celebrando a Reggio Calabria, avrebbe rivelato ai giudici i rapporti intercorsi tra le famiglie mafiose siciliane e quelle calabresi durante il periodo delle stragi.
«I rapporti con la ‘ndrangheta sono stati intrecciati attraverso i Piromalli soprattutto, con i due fratelli Nirta. Quando parli con un calabrese di quella fascia c’è un rapporto molto amichevole» avrebbe rivelato Spatuzza.
Imputati del processo risultano Giuseppe Graviano, considerato fedelissimo di Totò Riina, e Rocco Filippone, vicino invece ai Piromalli. I due imputati sarebbero responsabili degli agguati in cui hanno perso la vita i militari Antonio Fava e Giuseppe Garofolo e, stando alle recenti dichiarazioni di Spatuzza, sarebbero le menti dietro il fallito attentato allo stadio Olimpico e interlocutori della politica grazie a non meglio specificati rapporti interlocutori con Berlusconi e Dell’Utri.

Rubrica: 

Notizie correlate